I pixel di tracciamento sono dilaganti. Ecco cosa puoi fare su di loro

email tracciata Sono le 15:00 di venerdì e nella tua casella di posta arriva un’e-mail contenente un’offerta per un paio di cuffie . Eccitato – è giorno di paga – la apri, scansionando le offerte per la coppia che desideri, facendo clic sul sito Web dell’azienda di cuffie.

Quello che potresti non sapere è che e-mail di marketing come questa ti stanno seguendo. Durante questa breve interazione, l’azienda di cuffie ha raccolto un’enorme quantità di dati su di te. Ciò potrebbe includere l’ora in cui hai aperto l’e-mail e il tuo indirizzo IP, che può essere utilizzato per determinare la tua posizione.

La maggior parte del monitoraggio delle e-mail avviene tramite pixel nascosti, che potresti non notare, incorporati in immagini o collegamenti, e tutto avviene in modo che i marketer possano indirizzarti meglio. Succede così tanto che è stato chiamato “endemico”. Questo monitoraggio invisibile delle e-mail è invadente, sgradito e fastidioso, quindi

come può essere fermato?

Apple sta apportando alcune grandi modifiche per aiutare le persone a evitare di essere prese di mira dal monitoraggio furtivo delle e-mail. A giugno, il produttore di iPhone ha annunciato le funzionalità di protezione della privacy della posta in iOS 15 e MacOS Monterey durante la conferenza del WWDC. Il software di Apple ti consentirà di nascondere il tuo indirizzo IP e di scaricare contenuti remoti in privato in background per impostazione predefinita, indipendentemente dal fatto che tu interagisca con l’e-mail o meno.

Verrà instradato attraverso più servizi proxy, con un indirizzo IP assegnato casualmente da Apple. Questo risponderà alla regione in cui ti trovi, piuttosto che alla tua posizione specifica. 

Come sei tracciato

I pixel di tracciamento sono in genere un’immagine 1×1 singola e spesso invisibile inserita nell’intestazione, nel piè di pagina o nel corpo di un’e-mail. Potresti non vederli, ma i pixel si caricano quando apri il messaggio e restituisci le informazioni al mittente, consentendo loro di rintracciarti. Utilizzando questi pixel di tracciamento, le società di marketing stanno sfruttando il fatto che molti provider di posta elettronica consentono il caricamento di immagini remote per impostazione predefinita.

I pixel possono raccogliere molti dati su di te

email tracciamento “Potrebbe rivelare il tipo di dispositivo e persino il tuo indirizzo IP”, afferma Laurie Graham, direttore della cyber intelligence presso la società di consulenza tecnologica 6point6. Altre informazioni raccolte possono includere se hai letto il messaggio, la versione del tuo browser web e il tuo fuso orario. “Questi possono essere combinati per formare un’impronta digitale unica”, afferma Graham.

Tra le enormi quantità di informazioni che possono essere raccolte dai pixel di tracciamento, forse la più preoccupante è la tua posizione, afferma Andy Yen, fondatore e CEO del servizio di posta elettronica crittografato ProtonMail. “I dati raccolti possono essere utilizzati per analizzare le tue abitudini quotidiane e capire dove vivi e lavori. Ma la parte più invasiva è che sta accadendo a tua insaputa o senza il tuo consenso”.

La capacità di tracciare gli utenti via e-mail consente a quasi tutte le aziende di ottenere un profilo dettagliato dei propri clienti, soprattutto quando le aziende che raccolgono le tue informazioni “cospirano insieme”, afferma Jon Callas, direttore dei progetti tecnologici presso la Electronic Frontier Foundation. Se un negozio di abbigliamento e un negozio di libri collaborano, il negozio di abbigliamento viene a conoscenza delle tue abitudini di lettura e può utilizzare questi dati per commercializzarti vestiti in base a ciò che i tuoi libri dicono di te. Questa raccolta di informazioni combinata è ciò che a volte fa sembrare le pubblicità inquietanti

Le società di monitoraggio hanno anche la possibilità di riscrivere tutti i collegamenti all’interno dei messaggi. Ciò significa che quando si fa clic su un collegamento per verificare un account o si completa la registrazione di un sito Web, è possibile essere indirizzati all’URL di un server di marketing prima di essere reindirizzati alla vera destinazione.

Esiste un regolamento per interrompere il tracciamento delle e-mail senza il tuo consenso. In Europa, i pixel sono coperti dalla Privacy Electronic Communications Regulations 2003 (Pecr) e dal General Data Protection Regulation (GDPR) dell’UE. In base a queste normative, è richiesto il consenso a meno che non siano necessari pixel per la fornitura del servizio, afferma Emily Overton, amministratore delegato della società di consulenza per la gestione dei record RMGirl.

Tuttavia, le regole non sono state ampiamente applicate in quest’area e le aziende potrebbero affermare che le persone hanno acconsentito a ricevere l’e-mail iscrivendosi al servizio o che l’uso dei pixel va bene perché è descritto nella loro informativa sulla privacy.

Cosa fare al riguardo

Quando sarà disponibile nell’autunno di quest’anno, la protezione della privacy della posta di Apple non sarà abilitata per impostazione predefinita. Dovrai attivarlo in Impostazioni, Posta, Protezione privacy e attivare Proteggi attività e-mail . In macOS Monterey, vai su Posta, Preferenze e-mail, Privacy e attiva Proteggi attività e-mail .

Fino al lancio degli aggiornamenti di iOS e MacOS, puoi impostare il tuo client di posta elettronica in modo che non carichi le immagini per impostazione predefinita, poiché le immagini sono dove di solito risiedono i pixel di tracciamento. Su un iPhone, l’opzione è nelle Impostazioni del tuo iPhone, Posta, Carica immagini remote .

Se sei un utente di Gmail, puoi trovare l’opzione in Impostazioni, Immagini, Chiedi prima di visualizzare immagini esterne . Vale anche la pena notare che dal 2013 Google fornisce immagini in Gmail tramite i propri server proxy, che in molti casi nasconde il tuo indirizzo IP.

Il blocco del caricamento remoto delle immagini migliorerà la tua privacy, ma potrebbe anche influire sulla tua esperienza: non vedrai le immagini su nessuna e-mail, comprese le newsletter, finché non le scaricherai manualmente. Come avverte Overton: “Non tutti usano il testo alternativo, quindi le immagini potrebbero contenere informazioni che non sarai in grado di leggere senza accettare i pixel”.

E, naturalmente, la disattivazione del caricamento remoto delle immagini non impedisce ai professionisti del marketing di raccogliere dati quando carichi immagini su un’e-mail, afferma Callas. Le vere correzioni devono essere eseguite dal provider di posta elettronica o dal client di posta elettronica. “Gmail potrebbe farlo, ma Google è anche la più grande società pubblicitaria del mondo”, aggiunge Callas.

Un componente aggiuntivo come Ugly Email è un’altra opzione per Chrome e Firefox che funziona con Gmail nel tuo browser scansionando la tua casella di posta alla ricerca di e-mail contenenti pixel di tracciamento e bloccandoli.

Seguici su
twitterinstagrammail
A.C. Software
Condividi su
Facebooktwittermail
A.C. Software