Tempo di Lettura: 6 Minuti

Come fotografare le vacanze con il tuo cellulare

5 consigli per ottenere il meglio dalle tue foto fatte con lo smartphone

fotografia smartphone Oggigiorno gli smartphone stanno gradualmente sostituendo tutto: carte di credito/debito, orologi, dispositivi GPS, computer, radio, TV, fotocamere e molti altri dispositivi. Come abbiamo detto le fotocamere sono una di queste, infatti le persone scattano la maggior parte delle foto con il proprio smartphone, perché è il modo più veloce e maneggevole. Non fraintendetemi, gli smartphone sono i più utilizzati, ma hanno ancora molta strada da fare per raggiungere il livello qualitativo delle fotocamere professionali come mirrorless e reflex. Tuttavia, negli ultimi anni gli smartphone top hanno raggiunto un livello qualitativo pazzesco, sostituendo le vecchie compatte. Un cellulare infatti sta più comodamente in tasca, facendoci risparmiare spazio, e con sensori e tecnologie di ultima generazione, ci permette di avere ottimi risultati, senza essere necessariamente dei professionisti.

In questo articolo non parleremo di quale smartphone è il migliore per scattare foto o video fantastici, ma di come ottenere il meglio dai nostri cellulari e portare a casa il miglior risultato.

Rivoluzione smartphone: non è mai stato così facile scattare foto, ritoccare e archiviare tutto con poche mosse.

1 Prospettiva per fotografare da cellulare

prospettiva fotografare La vita è tutta una questione di prospettiva, vedere in modo diverso dagli altri, ti fa notare tra la folla. Pensa che molte persone scatteranno tonnellate di foto dalla stessa angolazione, risultando noiose e ripetitive. Mentre cambi il tuo punto di vista, rendi le tue foto diverse e quindi più visibili agli occhi delle persone. La sperimentazione è una buona chiave; ricorda che anche se un soggetto è bello, guardarlo nel tempo dalla stessa prospettiva è diventato ordinario. Tuttavia, quando cambi punto di vista, quindi osi sperimentare, i nostri occhi inizieranno a notare nuovi dettagli e quindi il nostro cervello inizierà a prestare più attenzione.

È anche vero che più foto scattiamo, più il nostro occhio nel tempo acquisisce l’istinto per scatti più performanti. Tuttavia, questo significa, soprattutto all’inizio, perdere molto tempo a fare centinaia di scatti per avere solo poche foto davvero degne di nota. Spreco nell’esecuzione, ma anche per aver scartato le foto che non ci piacciono, senza contare il tempo che abbiamo perso a catturare il momento giusto.

Inizia ad essere più creativo, prenditi prima qualche secondo in più per studiare bene l’ambiente, prova l’angolazione che ritieni sia la migliore e poi clicca. Anche se può sembrare che ci sia voluto troppo tempo, in realtà abbiamo risparmiato molto di più.

2 Opzioni

Se hai fretta, non usare le opzioni casualmente, il risultato non sarà quello che ti aspettavi. Esempio classico, i fotografi sconsigliano di scattare foto con lo zoom ottico; il motivo è che ridurremo la qualità della nostra foto. Quando si scatta con lo zoom, soprattutto senza un treppiede stabile, l’immagine sarà probabilmente sgranata o sfocata. Se hai bisogno di un’immagine più ravvicinata, cammina verso il tuo soggetto, se non puoi, allora meglio ritagliare l’immagine o acquistare un obiettivo per smartphone. Mai sentito? beh sono obiettivi simili alle reflex, ma con dimensioni più contenute, soprattutto in termini di costi.

Un altro errore è usare il flash. Potresti essere tentato, soprattutto di notte, ma il risultato non sarà quello che ti aspettavi. Gli smartphone non hanno flash controllabili, che regolano l’esplosione di luce, quindi il risultato sarà una foto piatta con ombre indesiderate dietro il soggetto. In questo caso, cerca di ottenere il massimo dalla fonte di luce nell’ambiente in cui ti trovi, i risultati saranno molto migliori rispetto all’utilizzo del flash. Se hai telefoni di qualità superiore, puoi produrre risultati decenti anche in condizioni di scarsa illuminazione.

L’ultimo consiglio, controlla che il tuo obiettivo sia sempre pulito. Polvere, gocce e impronte potrebbero rovinare uno scatto perfetto.

3 Luce giusta per fotografare da cellulare

Possiamo usare i migliori cellulari, ma se non impariamo a giocare con la luce, potremmo finire con foto sovra/sottoesposte. Infatti, capita spesso che ci scattiamo foto con un bel tramonto e poi ci troviamo troppo scuri nella foto, oppure il sole non appare per niente bello. Tuttavia, l’esempio migliore è durante la giornata di mezzogiorno, quando la luce del giorno è così intensa, significa che le immagini normalmente vengono sovraesposte, che sono troppo luminose.

Pertanto, il tempo lo rende diverso. Molte persone non sanno che il momento peggiore per fare foto è quando il sole è alla sua massima altezza, cioè tra le 11 e le 15, in questo periodo la probabilità di rovinare le foto è molto alta, soprattutto se non si è esperti . Mentre se scatti un’ora dopo l’alba o prima del tramonto, puoi ottenere un risultato molto bello come prodotto finale. Tuttavia, ricorda di posizionare il cerchio di messa a fuoco tra il soggetto e lo scenario, scegliendo il giusto bilanciamento per evitare grandi differenze di luminosità. In questo caso, un telefono cellulare con un ottimo HDR mostra una gamma più ricca di colori, bianchi più luminosi e neri molto profondi. Per essere più precisi la tecnologia HDR (High Dynamic Range), permette di catturare le differenze di luminosità con maggiore vivacità e in una qualità molto più realistica e immersiva, senza però trascurare tutte le gradazioni nelle zone chiare e scure. Se abbiamo una vacanza misurata, quindi non possiamo aspettare le ore giuste, possiamo aiutarci con filtri polarizzati, in grado di ridurre l’intensità della luce in modo uniforme su tutta la foto. In un modo molto semplice, acquistiamo occhiali da sole per i nostri sensori e avremo foto più performanti a seconda del filtro.

4 Formato

È uno degli aspetti più sottovalutati, la scelta del formato. Inoltre, di solito i telefoni hanno altre due opzioni: quadrato o panoramico. Ora, anche se il formato della foto non intacca la grafica, né la qualità, è fondamentale per l’uso finale. Per spiegarlo in parole semplici le foto orizzontali non corrispondono in termini di visibilità alle foto verticali su Instagram. Il motivo è semplice, il social network è nato per catturare foto o video istantanei con i nostri telefoni cellulari, quindi tutti gli utenti accedono con smartphone e una foto verticale riempirà meglio i nostri display. Basta guardare il tuo smartphone, un’immagine verticale riempie l’intero schermo, mentre l’orizzontale occupa solo 1/3 dello schermo, ed è anche peggio con le foto panoramiche, solo 1/5.

La soluzione in questi casi è banale, ma non scontata. Dobbiamo pensare attentamente allo scopo della nostra fotografia e scattare di conseguenza. Voglio una foto ritratto per il mio profilo IG o FB, sceglierò un formato verticale, voglio catturare un panorama fantastico da stampare, sicuramente orizzontale, ed entrambi i formati funzionano alla grande per i blog. Infine, il formato quadrato potrebbe essere il giusto compromesso per entrambi gli usi.

5 Post produzione

L’ultimo consiglio è anche l’ultima operazione che facciamo normalmente prima di pubblicare una foto.

Tutti usiamo il fotoritocco, più o meno, a cominciare da quelli più semplici ma anche più utilizzati: i filtri. Fai attenzione! Correggere una foto, migliorarla va bene, a patto di non esagerare. Ricorda che lo scatto migliore è al momento giusto, con un’angolazione insolita e un buon soggetto. La tecnologia aiuta a migliorare il valore e un grande passo avanti è il file RAW nel telefono. Per spiegarlo più facilmente, i fotografi professionisti preferiscono scattare in RAW perché hanno un’enorme quantità di informazioni con cui lavorare (gradazione del colore). Tuttavia, in questo articolo ci limiteremo a consigliarti alcune APP gratuite per migliorare le tue foto.

La prima applicazione è PicsArt, un’applicazione che ti consente di fare più cose: ritocco, trasformazioni di foto, collage, modelli, disegni, filtri e altro ancora. Simile è Snapseed, l’editor fotografico professionale sviluppato da Google, o Lightroom di Adobe, ma più professionale è più devi imparare.

Una volta che hai fatto le foto, puoi utilizzare VistaCreate per aggiungere testo, animazione e suoni per postarlo sui tuoi social.

Qualunque cosa tu scelga, non dimenticare di non esagerare mai, perché non c’è niente di più bello di qualcosa come l’ha fatto Madre Natura.