PEC – Come funziona la Posta Certificata

La Posta Certificata (PEC) è una raccomandata

Posta CertificataPEC sta per posta elettronica certificata che significa “email certificata”. Un’e-mail certificata garantisce la certezza giuridica dell’identità del mittente, della data e dell’ora di invio e ricezione dell’email e del suo contenuto. Puoi usarlo per scrivere e inviare ufficialmente documenti alla pubblica amministrazione italiana, ai cittadini, alle società private ecc. Con PEC puoi inviare un’e-mail certificata, che ha valore legale, da casa o dall’ufficio, che verrà ricevuta istantaneamente. I costi partono da pochi euro all’anno per un conto PEC di base.

Che cos’è la PEC?

PEC sta per posta elettronica certificata che significa “email certificata”. Un’e-mail certificata (e-mail PEC) è esattamente come un’e-mail tradizionale, ma con la differenza che garantisce la certezza giuridica dell’identità del mittente, della data e dell’ora di invio e ricezione dell’email e del suo contenuto. Questo sistema di comunicazione è attualmente utilizzato in Italia, Svizzera e Hong Kong. Puoi pensare a un’e-mail PEC come una lettera raccomandata elettronica (lettera raccomandata). Per questo motivo, un’e-mail PEC è uno strumento che è possibile utilizzare per scrivere e inviare ufficialmente documenti alla pubblica amministrazione italiana, ai cittadini, alle società private ecc. Dal punto di vista della grafica, un account PEC non differisce da un’e-mail normale account. In effetti, la differenza principale sta nell’indirizzo elettronico, quindi avrai tuonome@pec.it o tuonome@legalmail.it ecc., Invece di tuonome@gmail.com o tuonome@yahoo.com ecc.  Quindi, scrivere e inviare un’e-mail PEC è come scrivere e inviare un’e-mail normale (mittente, destinatario, oggetto, testo, firma) ma da un indirizzo diverso, che dà valore legale alla tua e-mail.

schema PEC

Cosa puoi fare con un indirizzo PEC?

Ci sono molte cose che un proprietario di un indirizzo PEC può fare, come ad esempio: inviare un messaggio con il valore legale equivalente di una lettera raccomandata; richiedere formalmente informazioni o documenti a una pubblica amministrazione italiana; proteggere il copyright di un testo (si invia una PEC al proprio indirizzo); inviare una lettera al debitore; dichiarare formalmente un fatto che avrà valore legale; rispondere a una richiesta di offerte; e altro ancora.

Cosa devi fare per avere un indirizzo PEC?

Per ottenere un indirizzo PEC, dovrai solo visitare il sito Web del provider e seguire le istruzioni per aprire un account PEC. Di solito, dovrai inserire i tuoi dati personali, quindi caricare una copia del tuo documento di identità e del tuo codice fiscale italiano (non sempre). Dovrai quindi scegliere un indirizzo (ad esempio tuonome@pec.it) e una password, proprio come qualsiasi altro account di posta elettronica. Oltre all’accesso tradizionale tramite il sito Web del provider, in genere è possibile accedere al proprio account e, quindi, inviare e ricevere e-mail PEC tramite un’app.

Quanto costa aprire un account PEC?

Esistono diverse società che offrono account PEC. Di solito, tutti chiedono un abbonamento mensile / annuale. I costi partono da pochi euro all’anno (è possibile avere un indirizzo PEC per 5 euro di IVA) per un account PEC di base, che generalmente include uno spazio limitato (ad esempio 1 GB) e antivirus. Ovviamente, più servizi desideri (più spazio, spazio di archiviazione, ecc.), Maggiore sarà il costo (ad esempio 25/40/60 euro ecc.). Solo per elencarne alcuni, i più utilizzati sono i seguenti: LegalMail, ArubaPEC, Postecert, Register.it, Libero. Un indirizzo PEC può essere la soluzione migliore ogni volta che è necessario inviare una lettera raccomandata a una società italiana, pubblica amministrazione, banca, ecc. O anche un privato (vedi sopra). In alcuni casi, a seconda del destinatario, potresti persino scrivere il tuo messaggio PEC in inglese, proprio come faresti con una lettera raccomandata .

Come è possibile che un messaggio PEC abbia lo stesso valore legale di una lettera raccomandata?

Come detto sopra, da un punto di vista legale, un messaggio PEC è molto diverso da un normale messaggio di posta elettronica. In effetti, un’e-mail inviata da un indirizzo PEC dimostra l’identità del mittente, la data e l’ora di invio e ricezione del messaggio e il suo contenuto. Ecco come funziona. Accedi al tuo account PEC (nome utente e password), scrivi il testo del tuo messaggio e lo invii al destinatario. Dopo averlo inviato, riceverai due (PEC) email dal tuo provider: la prima è una ricevuta di accettazione (conferma di accettazione) che conferma che il tuo messaggio è stato accettato dal sistema e inoltrato al destinatario. Il secondo è una ricevuta di consegna, a conferma che il giorno X, all’ora Y e ai minuti Z, il messaggio è stato recapitato all’indirizzo del destinatario. Dopo che il mittente riceve la seconda e-mail, il messaggio viene considerato regolarmente inviato all’indirizzo di consegna e riconosciuto dal destinatario, indipendentemente dal fatto che abbia effettivamente aperto il messaggio. Questo processo rende un messaggio PEC simile a una lettera raccomandata. Ti preghiamo di considerare che se invii un messaggio PEC dal tuo indirizzo PEC a un normale indirizzo e-mail (ad esempio, @ gmail.com o @ yahoo.com ecc.), la tua email sarà sarà comunque ricevuto dal destinatario, ma non avrà il valore legale di un messaggio pec / lettera raccomandata. Pertanto, affinché il tuo messaggio abbia valore legale come spiegato sopra, dovrai inviare un messaggio PEC dal tuo indirizzo PEC a un altro indirizzo PEC.

Suggerimenti

Esistono database ufficiali che ti permetteranno di verificare se il tuo destinatario ha un indirizzo PEC ufficiale a cui puoi inviare il tuo messaggio PEC (ad esempio INI-PEC). Si consiglia di digitare il contenuto del messaggio nel “corpo” del Messaggio PEC, e non solo come allegato. Quindi, se, ad esempio, vuoi inviare una lettera che hai firmato come allegato al tuo messaggio PEC, puoi anche copiare e incollare il suo contenuto nel “corpo” dell’email, in modo da essere sicuro che il destinatario leggerà il tuo messaggio in modo che provenga da te (perché l’indirizzo PEC dimostra legalmente l’identità del mittente). È un dato di fatto, anche se è possibile dimostrare quali file fossero allegati alla tua e-mail, il destinatario potrebbe, in teoria, affermare che, per esempio, l’allegato era vuoto o il file era corrotto o illeggibile.

Condividi su
Facebooktwittermail
A.C. Software
Seguici su
Facebooktwitterinstagrammail
A.C. Software