Zoom Meeting o Hangouts Meet – a ognuno il suo

Mettiamo a confronto due programmi di videoconferenza

zoom logohangouts meetingZoom Meetings e Google Hangouts Meet sono strumenti rivolti alle aziende. Se stai pensando di iscriverti a uno di loro ma non sai quale scegliere, proviamo ad aiutarti. Confrontiamo i due, fianco a fianco per capire quale strumento è il più adatto per le vostre esigenze.

Premessa

La premessa di base di Zoom e Google Hangouts Meet è la stessa. Entrambi sono strumenti di videoconferenza che consentono riunioni one-to-one e di gruppo e condividono una serie di funzioni, inclusa la possibilità di partecipare a una riunione tramite un collegamento o per telefono. È possibile partecipare alle riunioni su PC e dispositivi mobili, con entrambi i servizi che offrono app Android e iOS.

Disattivare il microfono

Entrambi gli strumenti consentono a un responsabile di disattivare l’audio del microfono di qualsiasi partecipante. Durante una riunione, gli utenti hanno la possibilità di disattivare l’audio dei microfoni e di spegnere le telecamere se desiderano maggiore privacy. Il responsabile di una riunione può anche silenziare i microfoni dei partecipanti.Chiunque sia mai stato in una grande riunione di gruppo online sa quanto sia importante. C’è sempre quella persona che risponde a una chiamata durante una riunione o ha figli che urlano in background.

Tante caratteristiche

Entrambi i servizi supportano anche la condivisione dello schermo – uno strumento indispensabile per webinar e riunioni – e la messaggistica istantanea. Ogni utente può inviare messaggi a un canale di gruppo affinché tutti possano vederli. È ottimo per porre domande durante una riunione e per condividere file. L’ultima caratteristica reciproca degna di nota è l’opzione per registrare le riunioni. Questo è un must se si dispone di un team di grandi dimensioni, in quanto consente ai dipendenti che hanno perso una riunione di verificarlo in seguito per aggiornarsi. Tuttavia, non tutti i piani offerti da Hangouts Meet includono questa funzione.

OFFERTA AMAZON
LarmTek Webcam HD 1080p con otturatore per la Privacy
EUR. 52,89
OFFERTA AMAZON
Cuffie Gaming PS4, Cuffia da Gioco con Microfono a Cancellazione di Rumore, Controllo del Volume Regolabile, Illuminazione a LED per PC Xbox One Nintendo Switch Tablet Mac Smartphone
EUR. 38,99

Simili ma diversi

Nonostante le loro somiglianze, Zoom e Google Hangouts Meet sono strumenti molto diversi rivolti a utenti diversi. Zoom è molto più avanzato e offre moltissime funzionalità che possono essere o meno importanti per te a seconda delle tue esigenze.

  1. Per impedire a più persone di parlare contemporaneamente, Zoom consente ai partecipanti di alzare virtualmente le mani premendo un pulsante. Il responsabile vede quindi esattamente chi vuole parlare e dà loro la parola.
  2. Il software supporta anche i sondaggi. Questi possono essere creati e condivisi nelle riunioni, consentendo ai partecipanti di esprimere il proprio voto sull’argomento in questione. Sono utili per votare su varie decisioni relative alle imprese, tra le altre cose.
  3. Altre funzioni di Zoom degne di nota includono Sfondo virtuale che consente di impostare un’immagine o un video come sfondo durante una riunione. Questa è un’ottima opzione per coloro che non vogliono che le persone vedano l’interno del loro appartamento.
  4. Poi c’è Touch Up My Appearance, che è fondamentalmente un filtro che leviga la pelle, rendendoti più bello per quell’incontro importante.
  5. E non dimentichiamoci della messaggistica diretta, che consente agli utenti di inviare un messaggio privato a un collega durante una riunione. Nessuna delle funzionalità menzionate finora è disponibile in Hangouts Meet.

Hangouts meet con i sottotitoli

Gli strumenti di videoconferenza di Google riguardano la semplicità. Si concentra solo sulle funzionalità di base necessarie alle aziende per tenere riunioni online. L’unica funzione Hangouts Meet non disponibile su Zoom degna di nota è i sottotitoli live, che visualizzano il testo della conversazione sullo schermo. Ricorda solo che supporta solo l’inglese e che le didascalie non verranno visualizzate nelle registrazioni.

Solo il piano Hangouts più costoso ti consente di registrare le riunioni. Mentre siamo sull’argomento delle registrazioni, vale la pena ricordare che questa funzione è disponibile su tutti i piani Zoom, incluso quello gratuito. Zoom ha anche un vantaggio su Hangouts Meet :il piano più costoso dello strumento supporta riunioni con un massimo di 500 partecipanti e altre possono essere aggiunte a un costo aggiuntivo. Il limite massimo di Google Hangouts Meet è di 250 partecipanti.

Un piano per ogni esigenza

A differenza di Hangouts Meet, Zoom offre un piano gratuito. Supporta fino a 100 partecipanti per riunione, consente riunioni one-to-one illimitate e include la maggior parte delle funzionalità menzionate. Questi includono la possibilità di registrare una riunione, disattivare i microfoni dei partecipanti, condividere lo schermo,alzare la mano quando si desidera parlare e utilizzare sfondi virtuali, tra gli altri.

Hangouts Meet fa parte dell’abbonamento a Google G Suite. Mentre Zoom è una funzione autonoma, Hangouts Meet no. Fa parte dell’abbonamento di Google G Suite rivolto alle aziende o scuole ed università e include numerosi altri servizi. Questi includono la possibilità di :

  1. utilizzare Gmail con un indirizzo email aziendale (e senza pubblicità),
  2. l’accesso a servizi come Hangouts Chat 
  3. l’archiviazione cloud aggiuntiva di Google Drive.

Il prezzo parte da $ 6 al mese e consente a un massimo di 100 persone di partecipare a una riunione. Il numero sale a 150 per il prossimo piano in linea che ti farà pagare $ 12 al mese, mentre il piano più costoso costa $ 25 al mese e consente fino a 250 partecipanti per riunione. È anche uno dei tre piani a supporto delle registrazioni. Tieni presente che i prezzi per entrambi gli strumenti di videoconferenza è per host, non per partecipante. Ciò significa che non è necessario pagare una quota mensile per ogni partecipante che partecipa a una riunione o a un webinar. Le persone possono partecipare gratuitamente, ma il responsabile della riunione, colui che organizza una riunione, deve pagare un abbonamento mensile.

Conclusioni

Non c’è dubbio che Zoom sia l’opzione migliore in generale. Oltre a offrire molte più funzioni, ha anche un piano gratuito disponibile che è l’ideale per riunioni one-to-one.
Non ha senso pagare qualcosa che puoi ottenere gratuitamente.
Devi anche considerare tutti i vantaggi extra che ottieni con un account G Suite. Ricorda, Hangouts Meet è solo uno dei tanti servizi inclusi in un abbonamento, mentre Zoom è un servizio autonomo. Se sei ancora alla ricerca di quale dei due strumenti utilizzare, ti suggerisco di provarli entrambi. Zoom ha un piano gratuito disponibile, mentre G Suite offre una prova gratuita di 14 giorni. L’esperienza pratica sarà sicuramente di aiuto nel processo decisionale.

La sicurezza

privacyUn parte fondamentale dei due programmi la gioca la sicurezza e la privacy.
Zoom è stato oggetto di molte critiche.
Zoom – il cui utilizzo è stato vietato dalla compagnia spaziale di Elon Musk SpaceX e dalla Nasa proprio per ‘gravi problemi di privacy e di sicurezza’, è nell’occhio del ciclone a causa di problemi di sicurezza e orde di troll che si divertono a offendere i partecipanti di sessioni video pubbliche. Il successo di questa applicazione (+5500% di download in Italia) sta facendo emergere una serie di criticità inaspettate. Come utilizzarlo al meglio.

Condividi su
Facebooktwittermail
A.C. Software
Seguici su
Facebooktwitterinstagrammail
A.C. Software